Press "Enter" to skip to content

Regione, Spelgatti: “Il governo più veloce della storia”.

AOSTA – ‘ Così è se vi pare’ (o non vi pare). L’opera teatrale di Luigi Pirandello calza, in perfetta forma, con quanto a Place Deffeyes: la Giunta regionale che guiderà la Regione Autonoma Valle d’Aosta per i prossimi cinque anni, almeno sulla carta.

Nicoletta Spelgatti

Una maggioranza che ha sancito l’assegnazione degli assessorati come segue: Renzo Testolin presidente dell’Esecutivo; Ambiente: continua la gestione Albert Chatrian; continuità anche nel Turismo con Luigi Bertschy; new entry nell’Agricoltura affidata a Corrado Jordan. E la Sanità ritornerà sulla cattedra di Jean Pierre Guichardaz; ad Aurelio Marguerettaz le Finanze e a Chiara Minelli l’Istruzione; Antonino Malcrinò veleggia verso l’Industria, mentre l’ex sindaco di St.Nicolas Davide Sapinet si occuperà di Opere pubbliche. Luciano Caveri sarà il nuovo Presidente del Consiglio e si avverrà della collaborazione di Alberto Bertin suo vice.

La Lage Vallée d’Aoste, primo Movimento uscito dalle regionale 2020, rimane nei corridoi di palazzo. “Saremo in guerra. Adesso saremo in trincea“, tuona Nicoletta Spelgatti leader del ‘Carroccio’ regionale. All’Agenzia Ansa dichiara: “Hanno creato il governo più veloce della storia. Se l’altra volta hanno impiegato quattro mesi a mettersi d’accordo sulle poltrone per buttare giù la Lega dalla Giunta, questa volta in due giorni hanno fatto tutto”.

Con il 24% dei consensi, la Lega Vallé d’Aoste deve rinunciare, stando almeno al riscontro attuale, alle consultazioni con le altre forze politiche “perché – affonda Spelgatti – come è ormai di dominio pubblico, sono già state assegnate le poltrone. E’ un peccato per la Valle d’Aosta – si incupisce – perché vista la crisi economica e sanitaria che stiamo affrontando, se si voleva avere un futuro diverso per la Valle d’Aosta, si sarebbero dovute fare le cose diversamente. Hanno fatto questa scelta. Se ne assumano tutta la responsabilità davanti ai valdostani”

S.L.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram