Press "Enter" to skip to content

Giorgia, l’unica sopravvissuta al tragico incidente di Jesolo: “Ci ha speronato ed è fuggito”

Giorgia non smette di raccontare, con estrema lucidità, ancora chiusa nella stanza di un ospedale, che una macchina uscita dal buio ha speronato la Fiesta sulla quale viaggiava insieme con Riccardo Laugeni,Leonardo Girardi, Eleonora Frasson e Giovanni Mattiuzzo, tutti di 23 e 23 anni, e che poi si è inabissata nel canale.

La ragazza, l’unica sopravvissuta dei 5 giovani, tornava a casa insieme ai suoi amici dopo una serata trascorsa a Jesolo. Ora lei giace in un letto di ospedale e, poco distante da lei, i suoi quattro amici, al piano inferiore sono nella camera mortuaria.

Solo al pensiero si inorridisce e l’angoscia prende il sopravvento su ogni cosa, ma la testimonianza di Giorgia, lucida e precisa, ha permesso dopo ore di indagini di arrivare al nome di un giovane romeno di 26 anni, residente in Italia dal 2012.

Da ieri sera è in stato di fermo disposto dal pm veneziano Giovanni Gasparini per omicidio stradale plurimo e omissione di soccorso. Il suo legale, Rodolfo Marigonda, dice che il giovane, di professione elettricista, è disperato ma inconsapevole dell’accaduto. “Ho sentito solo un colpo allo specchietto, un urto leggero – ha affermato durante l’interrogatorio – non mi sono accorto di nulla. Vorrei morire io al posto dei quattro ragazzi”.

Non risulta dalle prime analisi che l’automobilista fosse in uno stato alterato da alcol o droga. A mettere gli investigatori sulle sue tracce era stata anche una automobilista che si era trovata a passare lungo la strada della morte pochi minuti prima dello schianto. Aveva telefonato ai carabinieri raccontando allarmata di aver incrociato sulla regionale 43 una vettura che procedeva zigzagando a folle velocità tra le corsie, dando l’esatto numero di targa. Quando la polizia municipale ha rintracciato la Golf del romeno ha riscontrato dei segni sulla carrozzeria compatibili con quelli ritrovati sulla Fiesta dei giovani dopo essere stata estratta dai vigili del fuoco dal corso d’acqua.

Sull’asfalto nessun segno di frenata, solo le tracce lasciate su un terrapieno e la lamiera contorta del guard rail sfondato. Dalle pagine di Facebook affiora intanto la quotidianità di quelli che tutti gli amici definisco “quattro bravi ragazzi, senza grilli per la testa, che non meritavano di morire”. Il papà di Riccardo è un investigatore: i colleghi lo hanno informando con discrezione degli sviluppi delle indagini e del fermo del presunto omicida. Eleonora e Leonardo erano fidanzati e in una delle foto più recenti postate in Facebook la ragazza mostrava con un sorriso l’anello con tre diamanti che il giovane le aveva regalato.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

google-site-verification=08oW6gnsO9wyK2e5wSYJRhu8LiBjyAH5JhFmOXhiuo8
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram