Press "Enter" to skip to content

Falso ambulatorio medico a Firenze, denunciati due cinesi

Nei giorni scorsi, i Finanzieri del Comando Provinciale di Firenze hanno individuato, in un
appartamento della periferia nord di Firenze, un ambulatorio medico abusivo gestito da
due cittadini di origine cinese. All’interno, sono stati rinvenuti molti farmaci, anche scaduti,
flebo, siringhe e attrezzature varie. I due sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il
reato di esercizio abusivo della professione medica (art. 348 c.p.).


Durante le quotidiane attività di controllo economico del territorio, militari della Compagnia
Pronto Impiego di Firenze hanno notato la presenza di un gruppo di persone, tutte di etnia
cinese, nei pressi di un immobile situato in una traversa di via Pistoiese.


La singolarità delle condizioni di alcune di queste, che evidenziavano segni di medicazioni
di varia natura, ha insospettito le fiamme gialle, che hanno deciso intervenire
immediatamente presso quella che appariva una normale abitazione ma il cui accesso era
protetto da un sistema di videosorveglianza collegato a un monitor interno. All’atto
dell’ingresso nell’appartamento, i militari si sono trovati di fronte a due cinesi vestiti di tutto
punto da medico, intenti a prescrivere farmaci nonché a somministrare flebo a due
connazionali mentre altre persone erano in attesa.


La perquisizione dell’immobile ha portato al sequestro di oltre 350 scatole di medicinali,
sia italiani che di provenienza cinese, tra cui antibiotici, cortisonici, antinfiammatori,
analgesici, antipiretici e antiallergici, in alcuni casi privi delle indicazioni obbligatorie in lingua
italiana e, in altri, anche scaduti nonché strumentazione medica (sfigmomanometri,
stecche di legno, siringhe, flebo, deflussori,…) e diverse sedie/sdraio ammassate tra il
soggiorno e la cucina, verosimilmente utilizzate per far accomodare e “trattare” i pazienti.

Accanto ai prodotti cosiddetti “da banco”, venduti nelle farmacie, sono stati rinvenuti diversi
farmaci che non sono vendibili sul territorio senza la prescrizione medica, probabilmente
acquistati via internet dalla Cina.
L’attività condotta dai Finanzieri del Gruppo di Firenze si inquadra nel più ampio ruolo di
salvaguardia delle attività economiche lecite e di tutela dei cittadini anche sotto il profilo
sanitario.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram