Press "Enter" to skip to content

Elezioni, PD: “Soddisfatti del consenso”. Lega Vda: “Se si crede in ciò che si fa non si perde mai”

AOSTA – La vittoria elettorale del Partito Democratico in Emilia Romagna conferma quanto già asserito dalla segretaria della sede valdostana Sara Timpano: “Anche in questa circostanza, i cittadini hanno dimostrato di apprezzare chi lavora bene e chi si impegna per far emergere il territorio con grande slancio. Il segnale è eloquente”.

Riconosce, in ogni caso, che non è stata una “stravittoria. Ma un ottimo riscontro che rafforza il nostro convincimento sul riservare una politica centrata sul confronto con la gente“. Ricorda alcune delle peculiarità di questa Regione: “Vanta un sistema sanitario fra i migliori d’Italia e uno spirito di accoglienza superlativo”.

La stravittoria della Lega la riconosce, senza mezzi termini, nel riscontro elettorale della Regione Calabria, evidenziando, tuttavia, come rimanga salda la fiducia espressa al PD. “Risulta il primo partito e continua ad essere un’efficace ed unica alternativa all’avanzare della Destra”.

Quali azioni metterete in campo per mantenere la stabilità emiliana e rivedere la situazione calabrese?

Governare bene è fondamentale – risponde Sara Timpano – Una buona amministrazione non può che salvaguardare i consensi consolidati e anche rafforzarli”.

La sconfitta elettorale consegnata dagli elettori calabresi fa riflettere la segretaria regionale del PD: “Ribadisco – dichiara – come sia indispensabile, per un ritorno del centro sinistra, maggiore umiltà e il ritorno al dialogo con i cittadini”.

Una sconfitta che non demoralizza chi, come lei, ascolta la voce della gente, di chi vorrebbe il riscatto di un Partito che si è perso in mille rivoli e in troppe diatribe. “L’obiettivo riscatto si raggiunge anche scegliendo una classe dirigente all’altezza della situazione”, chiude, lapidaria, Sara Timpano.

Delusi, ma pronti a ringraziare gli elettori di entrambe le Regioni. “Grazie Calabria e grazie Emilia Romagna – scrive in un post il consigliere regionale e vice presidente del Consiglio regionale Luca Distort -. La battaglia per le regionali ha prodotto un 1 a 1 che, in politica, non equivale a parità, ma che presuppone vari livelli di analisi da approfondire nei prossimi giorni.”

Commenta, innanzitutto, il riscontro emiliano: “In Emilia Romagna, roccaforte storica e titanica della Sinistra dove persino un orrore come il caso di Bibbiano è stato sminuito e ovattato (addirittura dimenticato dalle sardine), il Centrodestra, trainato dalla Lega, ha compiuto una cavalcata eccezionale e commovente”.

Parole del laeader leghista Matteo Salvini riprese da Distort. Che ne aggiunge altre: “Sono orgoglioso. E’ un’emozione che dopo settant’anni ci sia stata una partita qui. Il coraggio di mettersi in gioco contro un avversario molto più avvantaggiato“.

Un risultato elettorale positivo per i ‘dem’, tallonato da una Lega che, stando alle dichiarazioni di Luca Distort, “nella rossa Emilia Romagna, si attesta ben oltre il trenta per cento“.

Rafforza il suo concetto di sfida: “Le battaglie si concludono solo quando ci si arrende e se tu continui a lottare, dalle battaglie trarrai soltanto insegnamenti. Capirai di più. Diventerai solo più forte e riprenderai a lottare”.

Chiude, rispolverando una frase che, sottolinea, gli sta molto a cuore: “Se credo in quello per cui lotto non perdo mai. O vinco o imparo. Grazie Calabria. Grazie Emilia Romagna”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram