Press "Enter" to skip to content

Consulta sospende legge regionale ‘anti Dpcm’

AOSTA – Non era mai accaduto che la Corte Costituzionale sospendesse gli effetti di una normativa.

Oggi, 14 gennaio 2021, gli amministratori della Valle d’Aosta devono prenderne atto e adeguarsi alla pronuncia della Consulta. Che, con rito d’urgenza, ha depositato l’ordinanza (relatore Augusto Barbera) ed ha accolto quanto proposto, in via cautelare, dal Presidente Giuseppe Conte, in relazione al ricorso contro la legge regionale 11 del 9 dicembre 2020.

Stando a quanto deciso dai giudici della Consulta, “la competenza in materia di profilassi internazionale compete allo Stato, in via esclusiva” e l’attuale emergenza sanitaria “ha richiesto e richiede interventi rientranti”.

La normativa regionale rappresenta “un rischio di un grave e irreparabile pregiudizio all’interesse pubblico” oltre che “per i diritti dei cittadini”, in quanto la stessa normativa “sovrapponendosi alla legge statale, espone al concreto e attuale rischio che il contagio possa accelerare d’intensità”.

Nell’udienza, fissata il 23 febbraio, verrà discusso il merito della costituzionalità delle norme.

S.L.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram