Press "Enter" to skip to content

Confcommercio, Valieri: “Bar e ristoranti riaperti? Nessun entusiasmo. E’ una categoria disperata”

AOSTA – “Innanzitutto – esordisce Adriano Valieri, direttore di Confcommercio Valle d’Aosta – entrambi gli esercizi hanno riaperto in ritardo grazie alla settimana in più di permanenza in ‘zona arancione’ della Valle d’Aosta. Con il nuovo decreto ministeriale che dovrebbe uscire oggi o domani, è quasi scontata una nuova chiusura nel giro di pochi giorni in vista delle festività di Natale”.

Adriano Valieri

Valieri trae le somme: “Parliamo di una categoria disperata. Aprire oggi per richiudere domani. Disincentivante, avvilente “.

Menziona i titolari di ristoranti nei piccoli Comuni dove la clientela non supera la decina. “Quale situazione contagiosa può crearsi? La categoria è considerata l’untore per eccellenza. Faccio notare che, durante la chiusura prolungata sono stati registrati contagi in continuo aumento”.

Baristi, ristoratori, titolari di gelaterie e affini, svolgono un’attività in cui primeggiano prodotti con scadenza quasi immediata. I ‘freschi’ non possono essere mantenuti a lungo; ne va della salute pubblica, oltre che della serietà e responsabilità dell’esercente.

E’ una situazione tutt’altro che semplice – sottolinea il direttore di Confcommercio Valle d’Aosta -. Il comparto dovrebbe essere considerato con maggiore attenzione. Soprattutto sotto il profilo economico. Perdite ingenti, irrecuperabili, con il rischio di chiusura definitiva per molti locali”.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram