Press "Enter" to skip to content

Associazioni onlus: Fidas ospiterà, per la prima volta, il ‘Convegno Nazionale Donatori Sangue’

AOSTA – Il dono del sangue’, una scelta nobile, dettata dal desiderio di garantire un aiuto senza frontiere, risolutore, in molti casi.

“Da oggi, sino a fine anno, organizzeremo iniziative promozionali relative al dono del sangue”, annuncia Rosario Mele, presidente regionale della Fidas, la Federazione Italiana Associazioni Donatori Sangue.

E’ la prima delle due iniziative studiate per sensibilizzare i cittadini alla donazione. Un programma in cui spicca, dal 30 aprile al 2 maggio, l’organizzazione, in Valle, del 39°Congresso Nazionale Donatori Sangue‘.

Accogliamo, per la prima volta, questo importante simposio in cui arriveranno duemila persone. Aosta diventerà, per due giorni, la ‘capitale’ italiana del dono del sangue. Il 3 maggio sono in programma la sfilata dei donatori e il 59° Raduno dei Donatori di sangue”. Aggiunge: “Presenteremo le iniziative al Castello Baron Gamba, a Cha^tillon, il 30 aprile”. Dice ancora: “L’assessorato alla Sanità e il Comune di Aosta hanno garantito il patrocinio”.

Durante i lavori del Congresso verrà consegnato il premio intitolato a ‘Isabella Sturli’, donatrice di sangue che ha dedicato molte ore del suo tempo agli incontri con gli studenti con l’unico obiettivo di promuovere il dono del sangue.

Per i 1.500 iscritti della Fidas Valle d’Aosta (“Siamo il 12,5% dei donatori valdostani”, precisa Mele), si prospetta un futuro prossimo galvanizzante e proiettato al lancio di progetti coinvolgenti e sempre mirati a sensibilizzare le giovani generazioni affinché mantengano la continuità dell’associazione.

Giovani, veicoli immediati, molto disponibili e entusiasti di rendersi parte attiva delle proposte divulgate dalla Fidas. In questa ottica, il 13 ottobre prossimo, la squadra di rugby ‘Stade Rugby VDA’ organizza una giornata al campo di allenamento, a Sarre, per promuovere l’attività volontaria della Fidas. Associazione che, dal 10 al 12 ottobre, celebrerà il gemellaggio con la Fidas, di Napoli, alla presenza di Gennaro Carotenuto, presidente Fidas Campania.

Fidas Valle d’Aosta, una Federazione che coordina, informa, partecipa nei vari ambiti del volontariato del dono. In campo nazionale ha superato il mezzo secolo, assistendo ad un costante aumento di adesioni. Semplici numeri che diventano immensi nel ‘firmamento del dono’.

Partecipiamo alla Commissione Tecnica per il buon uso del sangue – rilancia Rosario Mele -. Con Avis e Usl organizziamo riunioni per promuovere la cultura del dono. In Valle d’Aosta – ricorda – sono attive la Fidas San Michele Arcangelo a cui aderiscono la Polizia di Stato, famigliari e parenti e la Fidas ‘Sylvie Parlato‘, la giovane vittima della strada. La ricordiamo con la promozione di iniziative nelle scuole in cui veicoliamo stili di vita corretti. L’educazione civica e stradale, innanzitutto”, sottolinea.

Please follow and like us:
error

One Comment

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram