Press "Enter" to skip to content

Aps, presidente Franco: “Consegnata, ieri, chiavetta Usb alla V Commissione. Contiene verbali dal 2018”

AOSTA – “Ho risposto, in tempi immediati, alla richiesta del capogruppo di ‘Rinascimento Valle d’Aosta’ Giovanni Girardini, consegnando, nel giro di 24 ore, la chiavetta Usb in cui sono contenuti tutti i verbali del Consiglio di Amministrazione dell’Aps dal suo insediamento, ad agosto 2018. Manca soltanto il verbale relativo agli affidamenti sotto soglia, verificabile, in ogni caso, in qualsiasi momento. Gli atti sono a norma nella loro totalità”.

Carlo Franco

Carlo Franco, presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Pubblici Servizi, del Comune di Aosta, si premura di rispondere alle sollecitazioni di Girardini per dimostrare la massima trasparenza con cui opera l’Azienda. E, per quanto attiene all’insinuazione avanzata dall’esponente politico comunale sui contenzioni tra Aps e dipendenti, tiene a sottolineare: “Nessun contenzioso. Le spese legali sono, semmai, sostenute, per evitare le controversie“.

Scende nei dettagli anche per spiegare le modalità di utilizzo della riserva di un milione e 800 mila euro, denominata da Girardini ‘tesoretto’ conservato dall’Azienda Pubblici Servizi.

‘ “Le riserve sono indispensabili per l’Azienda e, quindi, vengono bloccate – informa il presidente Franco -. Riserve che possono essere utili per coprire le perdite”.

Previsioni che, nell’anno della disastrosa pandemia, si stanno rivelando, di fondamentale importanza. “Prevediamo perdite, in generale, per trecento mila euro – conferma Carlo Franco -. Una riduzione di incassi intorno agli ottocento mila euro, fino al 31 ottobre 2020. Seicento mila euro relativi ai parcheggi in zone blu e in struttura e duecento mila euro riferiti alle farmacie comunali. Una consistente riduzione che prevediamo di integrare, attingendo proprio dalla riserva. Il famoso ‘tesoretto’ che scenderà a un milione e 500 mila euro”.

Il presidente dell’Aps puntualizza la solidità dell’Azienda in grado di affrontare questo momento tragico senza particolari problemi. Chiarisce, poi, la sua riservatezza. “Preferisco agire, piuttosto di parlare. Un impegno che cerco di portare avanti nel rispetto della trasparenza e con massima responsabilità. Prerogative che ritengo essenziali, considerato il ‘volto’ pubblico dell’Azienda”, conclude Carlo Franco.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram