Press "Enter" to skip to content

Allarme migranti lanciato da Berlino: “Con questi flussi si rischia un’ondata anomala”

Lo si diceva da tempo, per meglio dire, lo diceva Salvini ma, su di esso solo una pioggia di insulti. Oggi due episodi sintomatici del fenomeno migrazione: al largo di Lampedusa naufragio e morti e da Berlino l’allarme lanciato dal ministro tedesco dell’interno Horst Seehofer che finalmente getta la maschera: si rischia una massiccio arrivo di migranti, forse addirittura superiore a quella del 2015. Seehofer sottolinea la necessità di prevenire la crisi aiutando i paesi in prima linea. O, in altre parole, ripescando il celebre aiutiamoli in casa loro, tanto sbeffeggiato e disatteso fino a oggi.

«Dobbiamo aiutare di più i nostri partner europei a controllare le frontiere esterne dell’Ue. Li abbiamo lasciati da soli troppo a lungo – afferma il ministro tedesco – se non lo faremo, assisteremo ad una nuova ondata di rifugiati come nel 2015, forse anche maggiore di quattro anni fa». Lavoreremo con la nuova presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen «in modo da fare il possibile perché tutto ciò non si ripeta» .

Di sicuro musica per le nostre orecchie ma avremmo preferito sentirlo intonare prima senza demonizzare quanti per mesi hanno cercato di lottare contro questa migrazione selvaggia.

Please follow and like us:
error

Comments are closed.

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram