Press "Enter" to skip to content

Gualtieri: “Recovery fund attivo nel 2021, risorse per affrontare le nostre debolezze strutturali”

La prima risorsa economica per il futuro prossimo dell’Italia è il contenimento del Covid-19, ma con il Recovery fund europeo il nostro paese può affrontare le debolezze strutturali del proprio sistema produttivo.

Lo ha affermato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, intervenendo a Skytg24. “Continuiamo ad avere prudenza – ha detto il titolare del Mef – ma per fortuna abbiamo numeri in miglioramento che ci consentono di essere cautamente ottimisti per il futuro”. E ha aggiunto: “La prima misura economica è il contenimento del virus e per questo abbiamo scelto la massima prudenza ed anche ora guardiamo con attenzione gli sviluppi dell’epidemia”. In merito al risultato finale del negoziato sul Recovery fund, di cui si dovrà occupare il Consiglio europeo basandosi sulla proposta della Commissione, Gualtieri si è detto fiducioso.

La proposta della Commissione, ha spiegato, “costituisce un compromesso equilibrato e ci batteremo per avere un risultato in linea con questa proposta”. Sempre sul Recovery fund, il ministro ha puntualizzato che “non si parla di condizioni: ogni Paese presenterà un piano di riforme che deciderà autonomamente e si impegnerà per realizzare gli obiettivi”. Quelle previste dal Piano di recupero sono “risorse che non solo possono consentirci di uscire da questa crisi ma di rilanciare la crescita ed affrontare debolezze strutturali del nostro paese”, ha aggiunto Gualtieri. Quanto ai tempi del Recovery fund, il titolare del Mef ha sottolineato che “nella proposta è previsto che il Piano sarà operativo dall’inizio del 2021 e quindi i piani dei singoli paesi saranno presentati a settembre”. Nel fondo europeo, però, “ci sono poi delle risorse che si potranno attivare da subito”, ha aggiunto Gualtieri. Parlando delle previsioni dell’Istat di oggi sul calo del Pil, il ministro ha affermato che “sono leggermente migliori di quelle che avevamo previsto nel nostro Def”. Quanto alla possibilità e l’eventuale necessità di attivare anche il Mes, Gualtieri ha dichiarato: “Lo vedremo. Valuteremo se sarà utile farvi ricorso”.

Please follow and like us:
error
RSS
Facebook
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram