Home Politica Vittoria centrodestra, debacle centrosinistra

Vittoria centrodestra, debacle centrosinistra

Leader of Italian centre-left Democratic Party (PD), Enrico Letta arrives to deliver an address on September 26, 2022 at the party's headquarters in Rome, a day after the country's vote in general elections. - Far-right leader Giorgia Meloni said on September 26 she was ready to govern for "all Italians" after her eurosceptic populists swept to victory in general elections, putting her on course to guide Italy's most right-wing government since World War II. (Photo by Alberto PIZZOLI / AFP)

Sarà “un congresso di profonda riflessione, sul concetto di un nuovo Pd – ha detto il segretario Dem – Enrico Letta, in conferenza stampa al Nazareno – che sia all’altezza di questa fida epocale, di fronte a una destra che più destra non c’è mai stata. Assicurerò con spirito di servizio la guida del Pd fino al congresso a cui non mi presenterò da candidato”. 

Con queste parole il segretario del Partito Democratico Enrico Letta annuncia il nuovo corso. Dopo la sonora sconfitta rimediata ai seggi elettorali comincia la riflessione e l’analisi del dopo voto.

Giorgia Meloni

Il centrodestra, trainato da Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, vince le elezioni politiche 2022 e si prepara a governare l’Italia. Complessivamente la coalizione composta da FdI, Lega, Fi e Noi moderati raggiunge il 44,5% dei voti, sette punti in più rispetto al 37,5% del 2018. Vince nella stragrande maggioranza dei collegi uninominali di Camera e Senato.

Il Movimento 5 Stelle, correndo da solo, ottiene il 15,2% dei voti e vince a sorpresa in oltre dieci collegi uninominali del sud, soprattutto nel napoletano, nel palermitano e a Foggia. Rispetto al 2018, quando ebbe il 32,2%, M5s cede il 17%. La lista Azione-Iv, non presente nel 2018, ottiene il 7,7%.

Nel centrodestra la parte del leone la fa Fratelli d’Italia che sestuplica i voti rispetto al 2018, passando dal 4,3% al 26,4%. Lega e Forza Italia quasi dimezzano i loro voti: il Carroccio passa dal 17,6% al 9%; FI dal 14,4% all’8,3%. Noi moderati corre il rischio di non superare l’1%. Fratelli d’Italia oggi ha il doppio dei voti della Lega anche in regioni come la Lombardia e il Veneto.

Exit mobile version